Travel Interview Valentina – Kilig Travel Blog

Oggi intervistiamo Valentina, fondatrice del travel blog Kilig Travel Blog.

Travel Interview Kilig

Valentina si descrive:

<< Valentina è una ragazza curiosa e sognatrice, che adora viaggiare e fotografare, bere caffè leggendo libri, scalare montagne. Disordinata cronica, ama l’avventura e non si fa spaventare dai cambi repentini di rotta. >>

Ma ora lasciamole la parola. Ecco a te Valentina del blog Kilig Travel Blog.

Iniziamo: per prima cosa, raccontaci di te. Chi è Valentina?

Ciao Cassandra, e grazie mille per ospitarmi qui sul tuo blog! 🙂

Valentina è una ragazza curiosa e sognatrice, che adora viaggiare e fotografare, bere caffè leggendo libri, scalare montagne. Disordinata cronica, ama l’avventura e non si fa spaventare dai cambi repentini di rotta.

Adesso però la smetto di parlare di me in terza persona, ahah!

Sono nata a Bologna, e sono stata allevata a pane e tortellini da super nonne bolognesi. Ho studiato Lingue e Letterature Straniere nella mia città, ho vissuto a Barcellona, ho fatto (e faccio) tanti lavori diversi e lasciato pezzettini di cuore in millemila posti.

Attualmente mi divido tra la mia città e la Romagna, ma appena posso scappo in Alta Badia, in Trentino Alto-Adige, che è la mia seconda (o terza?) casa.

valentina-pralongià
Pralongià – Photo Credit: Valentina – Kilig Travel Blog

Com’è nato il blog Kilig Travel Blog?

Kilig Travel Blog è nato in un caldo giorno di mezza estate, ma esisteva già da molto tempo nella mia mente.

Ho sempre amato scrivere, viaggiare, fotografare. Trasmettere, con parole e immagini, emozioni e storie.

La parte più difficile è stata scegliere il nome del blog; volevo qualcosa che rappresentasse in pieno la sensazione di felicità e adrenalina che provo ogni volta che mi accingo a chiudere lo zaino o la valigia prima di un viaggio. Qualcosa che descrivesse la potente bellezza di scoprire posti nuovi, di conoscere persone diverse da me, di mettere radici e cuore in angoli fino a prima sconosciuti.

Quando mi sono imbattuta nella parola Kilig, ho avuto un’illuminazione: eccola, è lei.

Lei sarà il nome al mio blog. D’altronde Kilig, parola della lingua Tagalog, significa “sentire le farfalle nello stomaco”, come quando ci si innamora. E io non smetto mai di innamorarmi del viaggiare!

Quale canale social preferisci e perchè?

Il mio canale preferito in assoluto è Instagram. Essendo un’amante della fotografia, su questo social ho la possibilità di creare una mia piccola galleria di scatti, sempre associati ad una storia, un pensiero, una citazione. È un mondo colorato e ricco di ispirazione, che mi consente tra l’altro di scoprire tante persone interessanti!

Mi piace molto anche Pinterest, per il modo in cui le idee fruiscono e perchè è forse uno dei social che ancora non si è lasciato contaminare dalle masse e dalle logiche di marketing (anche se, ahimè, sto notando anche lì la recente comparsa di annunci a pagamento!).

Quali sono, secondo te, le 3 migliori qualità che un travel blogger dovrebbe possedere?

Curiosità, creatività, cura per i dettagli.

In quella giungla impervia che è il web, stracolma di siti e di blog di ogni genere, è molto importante sapersi ricavare una nicchia e riuscire ad emergere, attirando l’attenzione dei lettori. Per questo credo che di base servano tanta, tantissima creatività e dedizione. Nuove idee, inedite strategie, un modo di raccontarsi creativo che si distingua dagli altri. E per fare questo, è necessario studiare, e formarsi costantemente, curando ogni singolo dettaglio, dalla redazione alla fotografia, dalla SEO al taglio editoriale.

Poi ovviamente ci vuole una dose infinita di curiosità, per non smettere mai di meravigliarsi di fronte alle cose del mondo, e per trovare sempre qualcosa di interessante di cui parlare.

Quale luogo del Mondo ti ha maggiormente colpito e perchè?

Domanda interessante, ma difficile, in quanto non saprei proprio elencare un singolo luogo, ma almeno cento! 🙂 Sono profondamente innamorata delle Dolomiti, credo che siano un ambiente davvero unico al mondo. Poi adoro l’atmosfera delle isole greche, con un occhio di particolare riguardo verso l’isola ionica di Zante, che se vissuta fuori stagione è davvero una perla rarissima di bellezza, storia, cultura e storie antiche.

valentina-navagio
Navagio – Photo Credit: Valentina – Kilig Travel Blog

Mi ha colpito moltissimo anche la misteriosa e magica Scozia, terra che sento il bisogno di esplorare meglio. Per non parlare della Polonia, nazione che fino a poco fa non avevo mai preso in considerazione, e che invece adesso mi ha spalancato le porte di un mondo stupendo.

Insomma, come vedete, non sono proprio capace di selezionare un luogo soltanto. E ne avrei altri mille da dire, ma diventerei molto prolissa e noiosa quindi mi fermo qui 🙂

Il viaggio aereo più lungo su cui sei salita? Come hai fatto passare il tempo?

Se parliamo di viaggi molto lunghi, sono la macchina e il treno i mezzi che mi hanno accompagnato in essi.

In aereo, al momento, il tragitto più lungo mi ha condotta alle Canarie, sull’isola di Tenerife.

In quelle quattro ore e mezzo ho principalmente letto, e scritto sul quadernino di viaggio che porto sempre con me nelle mie avventure. Almeno fino a che non c’è stata una piccola turbolenza, e sono dovuta ricorrere alle mie salvifiche TravelGum, dato che soffro di mal d’aereo 🙁

Per un viaggio preferisci il mare, la montagna o la città?

Adoro tutte e tre queste opzioni, dipende dai momenti e dalla mia personale inclinazione (che cambia spesso, essendo del segno dei Gemelli :D).

Diciamo che in inverno mi piace andare in giro per capitali europee e città varie. Di recente sono stata a Bratislava, in Slovacchia, e a Cracovia, in Polonia, e mi sono completamente innamorata di entrambe!

Mentre in estate preferisco andare in posti freschi e ricchi di natura, con un occhio particolare per le isole. Amo profondamente il mare, ma il mio vero amore è, come ho già detto, la montagna. È lì che scappo ogni volta che posso.

valentina-lago-braies-croda
Lago di Braies – Photo Credit: Valentina – Kilig Travel Blog

Se dovessi preparare la valigia in pochi minuti che cosa metteresti?

Reflex, quadernino per gli appunti, un paio di libri, la ricarica per lo smartphone e per la macchina fotografica.

Tutto il resto (vestiti, scarpe, trucchi, beauty-case) viene dopo! 🙂

Hai a disposizione solamente un weekend ed un budget abbastanza ridotto, dove andresti?

La mia formula preferita per un weekend di questo tipo prevede una piccola città italiana sconosciuta, se un borgo antico ancora meglio.

Adoro andare in giro per il mio paese ad esplorare angoli sconosciuti!

Vivendo attualmente in Emilia-Romagna, l’Umbria si presta molto bene a piccole fughe non troppo lontane, così come anche la Lombardia e la Toscana.

Ma ci sono posti spettacolari ovunque, e mi piacerebbe molto tornare a breve al Sud, in Basilicata e in Puglia.

Ed infine, raccontaci un po’ del tuo futuro: qual è il tuo prossimo viaggio o progetto in programma?

Attualmente sto sentendo sempre più forte il richiamo della Grecia, e delle sue meravigliose isole. Sto infatti progettando un viaggio a inizio luglio in questa terra, e le due mete che attualmente si contendono la mia attenzione sono Skiathos e Corfù. Chi vincerà?

Mi concedo ancora due o tre giorni per pensarci. Invece, per la primavera, ho in programma alcune piccole fughe tra Umbria e Toscana! E sto meditando, magari a fine estate, di fare il Cammino degli Dei!

valentina-scalatrice-sassongher
Sassongher – Photo Credit: Valentina – Kilig Travel Blog

Grazie per aver partecipato alla mia rubrica!

Questa è Valentina, se la vuoi seguire ecco i link del suoi blog e dei suoi canali social:

Sito Web – Instagram – FacebookPinterestTwitterYouTube

barra_aereo_w8my07

Non dimenticare di iscriverti alla newsletter e di mettere Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiando A Testa Alta per restare aggiornato su tutti i miei prossimi articoli e spostamenti.

Kiss Kiss,

Cassandra

#ViaggiandoATestaAlta

One Reply to “Travel Interview Valentina – Kilig Travel Blog”

  1. Che onore trovarmi qui sul tuo blog, Cassandra!
    Grazie mille per avermi ospitata, e per la tua interessante intervista, arrossisco e ne sono molto felice 🙂
    Un abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *